Il risultato a dir poco tragicomico delle ultime elezioni mi ha riportato alla mente uno dei migliori pezzi di George Carlin. Mi permetto di tradurlo in italiano sostituendo l’aggettivo «americano» con «italiano»:

Tutti si lamentano dei politici. Tutti dicono che fanno schifo. Be’, ma da dove pensano che vengano questi politici? Non cadono dal cielo. Non arrivano attraverso una membrana da un’altra dimensione. Vengono da genitori italiani, da famiglie italiane, da case italiane, da scuole italiane, da chiese italiane, da imprese italiane e da università italiane… E sono eletti da cittadini italiani. Questo è il meglio che possiamo fare gente. Questo è quello che abbiamo da offrire. È ciò che produce il nostro sistema: immondizia in entrata, immondizia in uscita. Se hai cittadini egoisti ed ignoranti, avrai dirigenti egoisti ed ignoranti. E i limiti dei mandati non aiuteranno di certo: finirai semplicemente con una nuova cerchia di italiani egoisti ed ignoranti. Quindi, magari, non sono i politici che fanno schifo. Magari è qualcos’altro che fa schifo qui… Come, la gente. Sí, la gente fa schifo. Per qualcuno sarebbe un buon motto per una campagna: «La gente fa schifo. Vaffanculo alla speranza.»